GIOVEDÌ 21 OTTOBRE 2021




Il fatto

Picchia la moglie per soldi, pretendeva fino a 400 euro a volta: arrestato

In cella marito pregiudicato di Pompei, di 45 anni

di Redazione
Picchia la moglie per soldi, pretendeva fino a 400 euro a volta: arrestato

Picchiava ogni giorno la moglie per soldi. Voleva fino a 400 euro alla volta e se la donna cercava di spiegare che non li aveva erano altre botte. Oggi gli agenti del Commissariato di PS di Pompei, in esecuzione di un'ordinanza coercitiva applicativa della custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura della Repubblica, hanno proceduto all'arresto di P.L., pluripregiudicato 45enne di Pompei, gravemente indiziato del delitto di maltrattamenti in famiglia e di estorsione continuata, consumata e tentata, nei confronti della moglie. La donna, appena pochi giomi fa, stanca delle continue vessazioni psico-fisiche ad opera del marito, di cui era vittima, ha deciso di rivolgersi agli agenti del Commissariato di Pompei, denunciando le violenze che suo marito, con cadenza pressoché quotidiana, perpetrava ai suoi danni al fine di costringerla a versargli somme di denaro, dell'importo di 300-400 euro al mese. La vittima ha precisato di vivere una situazione di forte disagio e stress emotivo, amplificato dalla circostanza di essere costretta a convivere con il marito, in quanto questi era detenuto agli arresti domiciliari presso I'abitazione coniugale nell'ambito di un altro procedimento penale. Le indagini, tempestivamente portate avanti dal Commissariato di Pompei, sotto il coordinamento della Procura, hanno consentito di verificare e riscontrare le dichiarazioni della vittima mediante l'assunzione di testimonianze da parte di tutti coloro che potevano essere a conoscenza dei fatti nonché mediante l'acquisizione dei referti medici stilati dai sanitari che avevano curato le lesioni cagionate alla donna dal marito. All'esito delle formalità di rito, l'arrestato è stato portato in carcere a Poggioreale.

05-10-2021 17:34:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA