DOMENICA 23 GENNAIO 2022




Il fatto

Pompei, pugni e morsi ad una prostituta per rapinarla: condannato

Aniello Amoruso, 44 anni, dovrà scontare cinque anni

di Redazione
Pompei, pugni e morsi ad una prostituta per rapinarla: condannato

Voleva portarle via i soldi che le servivano per mangiare. Pugni e morsi in faccia ad una prostituta per rapinarla. Picchiata e mandata in ospedale per le ferite sul volto. Dopo quasi un anno dall'aggressione alla donna condannato il rapinatore. Cinque gli anni per il pregiudicato di Torre Annunziata, che aveva colpito la donna mentre era in strada a via Plinio a Pompei. I giudici del tribunale di Torre Annunziata (presidente di collegio Fernanda Iannone, a latere Silvia Paladino e Luisa Crasta) hanno ascoltato il racconto disperato della vittima, una 26enne bulgara ed hanno condannato a cinque anni di reclusione Aniello Amoruso, 44 anni, pregiudicato di Torre Annunziata.  L'uomo aveva avvicinato la vittima, tra Pompei e Torre Annunziata, e prima l'aveva bloccata con un gancio poi visto che lei faceva resistenza le aveva morso il viso, come anticipa il quotidiano il Mattino. Fuggito dopo la rapina, era stato subito rintracciato e arrestato dai carabinieri della sezione radiomobile della compagnia di Torre Annunziata. Dopo essere stata curata in ospedale, la donna aveva identificato Amoruso. Così il 44enne era stato arrestato e trasferito nel carcere di Poggioreale dove si trova da allora.

16-12-2019 20:17:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA