DOMENICA 04 DICEMBRE 2022




In scena al Teatro Grande di Pompei

Pompei sogna di volare con Marco Martinelli

Gli “Uccelli” di Aristofane emozionano il pubblico del Teatro Grande

di Federica D'Auria
Pompei sogna di volare con Marco Martinelli

Aristofane era un adolescente infuriato che scagliava parole contro la guerra.

Sognava di volare, con i suoi “Uccelli”, oltre la coltre di odio, indifferenza e potere, per costruire una nuova città dove poter vivere con fiducia.

A prendere il volo, secoli dopo, sono settanta adolescenti di Pompei, Torre del Greco e Napoli nella suggestiva cornice del Teatro Grande del Parco Archeologico di Pompei, con un emozionante debutto il 27 maggio, sotto la geniale esperienza formativa della non-scuola di Marco Martinelli.

Un’opera dall’innegabile valore storico resa attuale e contemporanea dalle aderenze territoriali e dalle cadenze linguistiche.

Sognano di volare, questi ragazzi e sono arrabbiati almeno quanto l’originale autore; vorrebbero ali per andare lontano, perché quello che hanno sotto i loro piedi, ciò che circonda le loro giovani vite, non funziona.

Un messaggio politico molto forte, reso ancora più evidente dai ritmi veloci della prima parte, dove la scena è piena di ragazzi che, ironicamente, si scambiano battute amare e tristemente reali. Così come i due ateniesi che decidono di emanciparsi dal potere degli uomini e da quello degli dei, lasciando la città e fondandone un’altra, anche loro lanciano critiche e proposte per un reale cambiamento, che si evince, nella seconda parte, grazie ai costumi di Roberta Mattera, dai colori accesi e fluidi come la speranza che hanno riposto in loro stessi e nella comunità che vogliono fondare nei cieli.

Il progetto con gli adolescenti campani, prodotto dal Parco Archeologico di Pompei, in collaborazione con Ravenna Festival, Teatro delle Albe/Ravenna Festival, Teatro di Napoli-Teatro Nazionale, Giffoni Film Festival ed Emilia Romagna Teatro Fondazione, ha visto la luce dopo otto mesi di lavoro, guidati dal drammaturgo e regista Marco Martinelli con i suoi assistenti Valeria Pollice e Gianni Vastarella, accompagnati dalle musiche di Ambrogio Sparagna ed i Solisti dell’Orchestra Popolare Italiana e dalle luci di Vincent Longuemare.

I giovani “Uccelli” continueranno il loro volo il 28 ed il 29 maggio alle ore 21, nel Teatro Grande del Parco Archeologico di Pompei, in un’orchestra di colori ed esplosive emozioni che solo il teatro saltato fuori dai soliti schemi riesce a trasmettere.


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

28-05-2022 18:00:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA