GIOVEDÌ 01 DICEMBRE 2022




Castellammare

Presidenza del consiglio, Amato: "Votatemi, io rinuncio ai più di mille euro di indennità"

Tra i candidati alla vicepresidenza De Iulio, imputato in un processo per estorsione

di Redazione
Presidenza del consiglio, Amato:

“Se mi votate Presidente del consiglio rinuncio ai più di mille euro di indennità”. In pieno stile grillino Enzo Amato fa la sua prima uscita pubblica da candidato alla poltrona più ambita a Palazzo Farnese, dopo quella di sindaco. Ha raccolto la proposta lanciata in aula dal leader del centrodestra Cimmino e ha fatto il suo passo. "Ho presentato la mia candidatura come presidente del consiglio comunale. Questo è un ruolo importantissimo e, dopo le parole di giubilo provenienti da ogni fazione politica per l'ingresso del m5s in consiglio, mi aspetto un gesto che attesti l'autenticità di tali dichiarazioni”. A sottoscrivere la sua candidatura sono solo i Cinquestelle, ma le opposizioni di Cimmino e Salvatore Vozza hanno dichiarato che lo voteranno. L’election day è prevista per domani mattina. I numeri sulla carta sono a suo sfavore, il candidato della maggioranza Eduardo Melisse, consigliere del Pd, è ad un passo dall’incoronazione. A meno che, nel segreto dell’urna, una pattuglia di consiglieri al governo con Pannullo, non tradiscano l’impegno sottoscritto. Per i democratici e le quattro liste civiche a sostegno del sindaco si tratta del test della verità. Domani contando le preferenze nell’urna l’amministrazione scoprirà su quanti voti può veramente contare.
“Il consiglio dimostri con i fatti e non a parole la stima che dicono di avere in noi. Ricordo infine che il presidente del consiglio percepisce un' indennità pari a circa mille euro a cui io, in caso di elezione, rinuncerò" è l’impegno di Enzo Amato. Ma tra i banchi dell’opposizione sono ben altri i guai da risolvere. Si annuncia, infatti, un caso vicepresidenza. Le poltrone a disposizione sono due, una toccherà quasi certamente al ginecologo Salvatore Ercolano per la maggioranza, l’altra spetta alla minoranza. Il centrodestra per quella postazione ha ufficializzato due candidature quella dei consiglieri De Iulio e Marino. Domani quindi potrebbe esserci più di un imbarazzo visto che De Iulio è imputato in un processo nei confronti del clan Ridosso di Scafati, in quando è accusato di estorsione ai danni di un imprenditore. Una candidatura che porta il caso giudiziario direttamente a Palazzo Farnese.


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

04-08-2016 15:42:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA