DOMENICA 03 LUGLIO 2022




Il riconoscimento

Professore Ferraro Cavaliere al merito, onorificenza all'ex docente del Plinio Seniore

È tra i 27 scelti dal Presidente Mattarella in provincia di Napoli

di Redazione
Professore Ferraro Cavaliere al merito, onorificenza all'ex docente del Plinio Seniore

È tra i 27 cavalieri al merito nominati dal Presidente Mattarella tra Napoli e provincia. C'è Salvatore Ferraro tra i destinatari del riconoscimento consegnato oggi dal Prefetto, Marco Valentini. Al professore, che per tanti anni ha formato generazioni di studenti al Plinio Seniore di Castellammare, consegnata l'alta onorificenza. A congratularsi l'amministrazione di Vico Equense, città dove risiede il docente in pensione: "Egregio Professore, Le porgiamo le nostre piu sentite congratulazioni per il meritatissimo riconoscimento: 'l'Alta Onorificenza di Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana', che arricchisce ulteriormente la già lodevole esperienza di uomo di cultura, storico, conservatore e promotore della memoria storica della città di Vico Equense e della cultura tutta. Che la Sua esperienza di vita, come docente, accademico, ricercatore, scrittore e raffinato bibliofilo sia di esempio per i tanti giovani studiosi e studenti del territorio che ha sempre sostenuto nelle innumerevoli ricerche." Uomo di profonda conoscenza, ha svolto in tutta la sua vita un’incessante attività a tutela del patrimonio storico, artistico e architettonico dell’intera Regione Campania, pubblicando numerose e preziose ricerche. Ferraro, dopo la laurea in Lettere, si è dedicato alla scuola per quarant’anni: dopo aver insegnato Lettere alla Scuola Media “Antonino Fienga” di Meta, è stato ordinario di Latino e Greco al Liceo classico “Marone” di Meta e, infine, per venti anni al Liceo classico “Plinio Seniore” di Castellammare di Stabia. Nato a Milano 84 anni fa dove il padre partito da Vico Equense era andato per lavoro. Primogenito, con una sorella, è cresciuto in una famiglia borghese di impiegati, senza seguire i genitori a Milano per restare a Vico dove è stato educato dai padri gesuiti. Ispettore onorario per i Beni Culturali ed Ambientali si è sempre attivamente occupato di cultura. “La cultura è l’anima dell’uomo, quando manca si è senza radici” ha dichiarato. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: la Necropoli preromana di Vico Equense e l’Antiquarium Equano 1970. Osci Etruschi e Greci nella Penisola Sorrentina – Vico Equense preromana, del 1977. Testimonianze artistiche in Penisola Sorrentina Vico Equense, Centro Artistico Culturale Paul Whistler, 1978. La costruzione del consenso nella Repubblica Napoletana del 1799, del 1999. La chiesa dell’Arciconfraternita dell’Assunta nel centro storico di Vico Equense, del 2002. Il contributo di Catello Salvati alla ricerca storica stabiese, 2003; Le cinquecentine di Vico Equense durante l’episcopato di Paolo Regio (1583-1607), 2004. Accademico Pontaniano, nel corso degli anni ha donato molti libri alla biblioteca comunale.
Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

27-09-2021 18:11:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA