GIOVEDÌ 28 OTTOBRE 2021




Il fatto

Rider picchiato e derubato, a Gianni offerta dal Vesuviano: 'Vieni a lavorare con noi'

Disoccupato dopo il licenziamento nel 2015, la proposta di Bifulco

di Redazione
Rider picchiato e derubato, a Gianni offerta dal Vesuviano: 'Vieni a lavorare con noi'

È commosso per l'affetto dei napoletani.  Eppure ha chiaro cosa vorrebbe più di tutto, quel lavoro da macellaio perso nel 2015. Gianni, il rider picchiato e derubato dello scooter, ora una proposta ce l'ha. "Ringrazio tutti per la solidarietà che mi è stata espressa: c'è tanta gente di buon cuore. Ma io vorrei solo un lavoro stabile, pagare le tasse come ho sempre fatto e vivere tranquillamente". L’appello del rider Gianni Lanciano non è rimasto inascoltato. Un imprenditore del vesuviano ha scelto di dare una chance al rider di 50 anni che l'altra sera, in Calata Capodichino a Napoli, è stato avvicinato e aggredito da sei giovani che gli hanno portato via lo scooter con il quale stava facendo le consegne. L’uomo dal 2015 è rimasto senza lavoro e da allora ha provato ad andare avanti con lavori saltuari per poter portare avanti la famiglia. Luciano Bifulco, imprenditore di Ottaviano che gestisce l’omonimo marchio, ha ascoltato l’appello dell’uomo e ha provato a dargli una chance: un posto di lavoro presso la macelleria di via Lavinaio. Un gesto che ha scaturito l’ammirazione anche del sindaco Luca Capasso: “Ci troviamo di fronte ad un atto di grande generosità e sensibilità, che da sindaco mi rende orgoglioso. Appena ho telefonato a Luciano ho trovato subito porte aperte”. Aggiunge Luciano Bifulco: “Siamo pronti ad assumere Gianni Lanciano e anche altri: cerchiamo professionisti del settore della macelleria e della gastronomia. Saremmo contenti di poter esaudire il desiderio di Gianni, di dargli un’opportunità di lavoro dopo il brutto periodo che ha trascorso”.

04-01-2021 22:00:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA