GIOVEDÌ 27 FEBBRAIO 2020
Il fatto

Salernitano sommerso dal fango, centoventi famiglie sgomberate

I provvedimenti a Nocera e Castel San Giorgio, chiuse strade e cimiteri

di Redazione
Salernitano sommerso dal fango, centoventi famiglie sgomberate
Nel salernitano torna il fango e la paura. Centoventi le famiglie che hanno dovuto lasciare le loro case per il rischio frane dopo i temporali di oggi. Il primo provvedimento è scattato questa mattina per cento famiglie a Nocera Inferiore, poi in serata altri venti nuclei familiari sono stati evacuati a Castel San Giorgio in seguito all'esondazione di canali e torrenti avvenuta oggi. Chiuse anche molte strade in provincia di Salerno e domani stop alle lezioni anche a Scafati e in altre città. L'ordinanza di sgombero, invece, è stata firmata dal sindaco Paola Lanara in seguito ai sopralluoghi tecnici effettuati nelle frazioni di Torello, Aiello, Campomanfoli e Santa Croce. Le famiglie sfollate saranno ospitate in strutture alberghiere, B&b e residence presenti sul territorio. "Il numero delle persone interessate dal provvedimento potrebbe aumentare se l'acqua e i detriti presenti nella vasca di laminazione, in località Valesana, dovesse tracimare provocando l'allagamento di tutta la zona ai confini con Siano", si legge in una nota diramata dal Comune che, in serata, ha provveduto a chiedere lo stato di calamità. Per il sindaco Lanzara quanto avvenuto è "diretta conseguenza degli incendi di questa estate". Il primo cittadino ha predisposto anche la chiusura delle scuole per la giornata di domani. Stessa decisione è stata adottata dal sindaco di Siano, Giorgio Marchese che, contestualmente, ha disposto l'evacuazione degli abitanti residenti nella zona rossa (via Martin Luther King, piazza Santa Maria delle Grazie, via Vignolia e via Fondovalle). In quell'area risiedono circa 180 persone e vi sono due strutture residenziali extra ospedaliere. La decisione si è resa necessaria in quanto il pluviometro ha superato la soglia d'emergenza. Il Comune ha allestito un centro di accoglienza nella scuola di via Botta. Resta l'allerta anche a Nocera Inferiore dove da stamattina è stata disposta in via precauzionale l'evacuazione di circa cento famiglie residenti nelle fasce pedemontane. L'ordinanza resterà in vigore per tutta la notte e, chi vorrà, potrà recarsi al centro di via Loria. Il sindaco Manlio Torquato ha disposto la chiusura delle scuole, al pari dei colleghi di Pagani, Sarno, Roccapiemonte e San Marzano sul Sarno. L'ondata di maltempo ha provocato disagi anche nella Valle dell'Irno. Questo pomeriggio a Pellezzano si è disperso un 33enne che si era recato in montagna per cercare funghi. Il giovane ha perso l'orientamento a causa del maltempo ed è stato ritrovato dai volontari della protezione civile e dagli uomini del Soccorso Alpino e Speleologico della Regione Campania. A Corbara, invece, è crollato un pezzo di strada a pochi metri dal centro abitato e il sindaco Pietro Pentangelo ha firmato un'ordinanza urgente per il divieto di transito per i soli veicoli pesanti, autoarticolati e tir.
03-11-2019 21:00:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO