DOMENICA 04 DICEMBRE 2022




L'Evento

Sant’Antonio Abate, al via gli eventi dell’Associazione Imprenditori Abatesi

Il presidente Carmine Deiulis “Il covid ci ha frenato ma ora abbiamo solo tanta voglia di lavorare sul territorio”

di Rosa Abagnale
Sant’Antonio Abate, al via gli eventi dell’Associazione Imprenditori Abatesi

Laboratori creativi per stimolare i più piccini alla scoperta delle loro potenzialità artigianali ed imprenditoriali, questa l’iniziativa messa in campo dall’Associazione Imprenditori Abatesi per giovedì 2 giugno. Patrocinato dal Comune di Sant’Antonio Abate, Piccoli Imprenditori Crescono si terrà all’interno del Parco Naturale “Padre Carmine Coppola” dalle 10.00 alle 12.00. Un momento che consentirà alle famiglie abatesi di godersi qualche ora di relax nel piccolo polmone verde della città mentre i bambini saranno occupati nelle attività ludiche organizzate. Per poter consentire ai propri piccoli di partecipare è necessario sottoscrivere un’iscrizione nei negozi associati oppure presso lo stand dell’AIA che verrà allestito all’interno del parco il giorno dell’evento. I membri dell’associazione hanno previsto 4 laboratori a numero chiuso, organizzati in modo da poter coinvolgere un numero massimo di 60 bambini dall’età compresa dai 6 ai 10 anni e altre due attività creative, senza alcun limite di partecipazione ed età.

I piccoli avranno la possibilità di cimentarsi in diverse attività artigianali e, a fine evento, potranno portare via con loro quanto creato. Nel corso della mattinata verranno offerte loro anche delle merende gentilmente preparate da alcuni membri dell’associazione.

Un’iniziativa lodevole che unisce la voglia di intrattenere i più piccoli a quella di riappropriarsi degli spazi pubblici dopo le tante restrizioni subite negli ultimi due anni.

Ma cos’è l’AIA?

Abbiamo deciso di saperne di più incontrando il Presidente Carmine Deiulis.

AIA è un progetto nato poco prima che scoppiasse l’emergenza covid e che, a causa di quest’ultima, ha subito una battuta d’arresto. Ora che l’emergenza è rientrata abbiamo tutta l’intenzione di farla decollare lavorando su più fronti.  Un’associazione territoriale di imprenditori, commercianti ed artigiani nata per perseguire due scopi principali: in primis spronare tutti i lavoratori autonomi locali ad un confronto che abbia come scopo la crescita comune e poi, incentivare gli abatesi a preferire il commercio locale a quello delle grandi strutture commerciali proponendo loro di guardare a Sant’Antonio Abate come ad un vero e proprio centro commerciale a cielo aperto.

Trentotto anni, ercolanese di nascita ma abatese di adozione ormai da sette anni Carmine Deiulis è un ragazzo intraprendente e dinamico, sempre pronto a nuove sfide. Ci accoglie nello “Store n°309” dove si occupa di vendita d’abbigliamento al dettaglio e qui, davanti ad un buon caffè, ci dedichiamo ad un’amichevole chiacchierata illuminante.

Qual è il vantaggio di aderire ad un’associazione di categoria locale rispetto ad una regionale o nazionale?

Sta indubbiamente nella conoscenza diretta di potenzialità e problematiche del territorio. Elementi che non potranno mai essere trattati tanto nel dettaglio da un’associazione più lontana fisicamente dalla quotidianità che un imprenditore vive. Tuttavia, riteniamo sia importante esporsi anche oltre i confini del nostro comune per non chiudersi a nuove proposte. Per questo, grazie al sostegno delle istituzioni, ci stiamo muovendo su un doppio fronte che possa fornirci quanti più input possibili. Ma preferirei rimandare la discussione di questo punto a quando potremo parlare con progetti realizzati alla mano”

Nel frattempo ci raggiunge Giovanna Elefante, segretaria dell’associazione, alla quale chiediamo di esporre il proprio punto di vista in merito al progetto AIA.

Ci stiamo sforzando di creare un ambiente amicale, dando esempio di come all’interno di un’associazione possano convivere imprenditori, commercianti e artigiani che, pur facendo lo stesso lavoro, riescano tranquillamente ad evitare di entrare in concorrenza “cattiva” tra loro, approfittando invece dell’incontro per confrontarsi e crescere insieme.

Le restrizioni causate dal periodo pandemico sembrano ormai un ricordo, le condizioni ci sono tutte per poter lavorare nella massima libertà. Quali iniziative avete già messo in campo e a quali altre state lavorando?

“La nostra prima iniziativa è stata quella di “gratta e vinci” donati ai clienti che effettuavano un minimo di spesa nel periodo natalizio. Un’idea che ha riscosso un notevole successo. Con i biglietti donati i clienti vincevano premi messi in palio dai soci dell’AIA. E’ stato un modo simpatico con il quale fidelizzare i clienti alla rete di negozi associati – racconta Giovanna – Inoltre abbiamo istituito una Fidelity Card con la quale i clienti possono usufruire di sconti presso le attività associate attraverso la semplice lettura di un QR code presente sulla carta.”

“Stiamo lavorando anche per farci conoscere dalle altre realtà associative. – aggiunge Carmine – Per il secondo anno sponsorizzeremo il torneo di beach volley “Arena Abatese” organizzato dall’associazione Volley Juvenilla Abatese e, inoltre, saremo presenti sempre in vesti di sponsor, all’Abatese Cup organizzata dalla GE.CA calcio”

Vicini al mondo dello sport quindi?

Vicini a tutti i giovani abatesi, così vogliamo essere – dice Deiulis - Le associazioni di categoria sono sempre state viste come spazi dove cercare solo ed esclusivamente soluzioni a problemi, luoghi in cui riportare lamentele. Noi vogliamo dare un’idea differente da quella radicatasi in passato, intendiamo affrontare con grande serietà gli obiettivi associativi ma con spirito amichevole, solare e con la giusta leggerezza al fine di lavorare bene insieme. Un atteggiamento positivo, sereno e propositivo è assolutamente indispensabile per fare la differenza. A tal proposito – aggiunge – abbiamo instaurato un bellissimo rapporto di collaborazione con Tutta n’ata storia, altra associazione abatese costituita da ragazzi davvero in gamba con i quali abbiamo deciso di lavorare ad un giornalino dove sponsorizzare attività ed iniziative”.

Entusiasmo, necessità di impegnarsi e voglia di aggregare sembrano essere gli ingredienti di un progetto, quello dell’AIA, destinato a lasciare il segno in un periodo che sta risultando, per tanti aspetti, particolarmente roseo per la piccola comunità abatese.

 

 

 

 

  

 


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

26-05-2022 08:33:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA