SABATO 16 OTTOBRE 2021




Il fatto

Schiacciato da una lastra di vetro a Scafati, a processo imprenditore e responsabile sicurezza

A marzo la prima udienza per la morte di Gennaro Sorrentino

di Redazione
Schiacciato da una lastra di vetro a Scafati, a processo imprenditore e responsabile sicurezza

Schiacciato da una lastra di vetro caduta da un macchinario. Comincera' a due anni dal tragico giorno in cui perse la vita l'operaio di Scafati, il processo nei confronti dei due imputati ritenuti responsabili della tragedia. É fissata per il venti marzo 2019 la prima udienza per la morte di Gennaro Sorrentino, i due per la Procura di Nocera sono accusati di omicidio colposo. Arrivato in fin vita al pronto soccorso a Nocera, il trentaduenne di Scafati è morto per i traumi riportati dalla lastra di 380 chili piombatagli addosso. Rinviati a giudizio, dovranno rispondere dell’accusa di omicidio colposo: l’imprenditore, che rappresenta legalmente la ditta in cui avvenne la tragedia il 3 marzo e il responsabile della sicurezza nella fabbrica. L’incidente in cui il giovane operaio perse la vita avvenne nell’azienda "La tecnica nel vetro", nell'area industriale ex Copmes. Il giovane lavorava in quella fabbrica da diverso tempo. Era addetto proprio all'imballaggio delle lastre di vetro. Sarà ora il processo nel Tribunale di Nocera a stabilire se quella tragedia poteva essere evitata. Una delle tante, troppe in una Campania listata a lutto per un lungo elenco di morti bianche. Una tragedia che ha distrutto una famiglia. Gennaro aveva sposato Antonella da sette mesi, la moglie di Castellammare che si è costituita parte civile al processo. Due le cose che la procura contesta ai due imputati: la mancata messa in sicurezza dei lavori effettuati con carichi in sospensione e il mancato uso dei mezzi di protezione personale. A Scafati e Castellammare sono in tanti che, dal 17 marzo 2017, vogliono conoscere la verità sul ragazzo morto mentre faceva il suo dovere come ogni giorno da quando era stato assunto in quella fabbrica.

16-11-2018 09:45:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA