GIOVEDÌ 01 GIUGNO 2023




Cultura

Sorrento, ricostruita in 3D la villa marittima romana del Capo

Il progetto illustrato dal professor Wolfgang Filser dell’Università di Copenaghen

di Candida Aiello
Sorrento, ricostruita in 3D la villa marittima romana del Capo

I risultati delle campagne di scavo alla villa romana del Capo di Sorrento, condotte dal gruppo di archeologi guidati da Wolfgang Filser, dell’Università di Copenaghen, in collaborazione con la Soprintendenza di Napoli, sono stati al centro dell'incontro che si è svolto questa mattina.

Guida d'eccezione per cittadini e turisti, lo stesso professore Filser, che ha condotto una visita nell'area archeologica, svelando curiosità ed informazioni che il lavoro scientifico ha portato alla luce, confermando il sito sorrentino, tra le più importanti testimonianze a livello internazionale, per comprendere il funzionamento di una villa marittima di epoca romana.

Un appuntamento promosso nell'ambito del calendario di Sorrento Walks, un progetto di valorizzazione degli itinerari escursionistici, in chiave ambientale e culturale, promosso in collaborazione dal Comune di Sorrento e da Penisolaverde.
L'evento che ha coinciso con le Giornate di Primavera promosse dal Fai, il Fondo per l'ambiente italiano, dedicato quest'anno proprio al patrimonio custodito nella località nota come Bagni della Regina Giovanna.

A seguire, la sala del centro parrocchiale del Capo di Sorrento ha ospitato un incontro moderato dal direttore di Penisolaverde, Luigi Cuomo, nel corso del quale Filser ha presentato per la prima volta un modello tridimensionale della villa romana. 

"Un patrimonio unico al mondo - ha sottolineato l'archeologo - Un'opportunità inestimabile per cittadini, turisti e studiosi di conoscere il nostro passato".

Per il presidente del consiglio comunale, Luigi Di Prisco, che ha portato i saluti dell'amministrazione comunale "Il sito della Regina Giovanna è tra le principali attrattive del nostro territorio. Per questo siamo impegnati a portare avanti un progetto di riqualificazione, che intende tutelare e  valorizzare tutta l'area, sia per la parte archeologia che per quella agricola, con progetti che vedono al centro anche il fondo rurale di proprietà comunale”.


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

25-03-2023 17:23:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA