MERCOLEDÌ 16 OTTOBRE 2019
Il fatto

Strada crollata tra Piano e Meta, i residenti: "Avevamo già denunciato il pericolo"

In giornata sopralluogo dei sindaci Tito e Iaccarino, con il consigliere Longobardi: "Urgenti interventi di messa in sicurezza"

di redazione
Strada crollata tra Piano e Meta, i residenti:

Passa la paura, ma resta la preoccupazione dopo il crollo di una strada tra Piano di Sorrento e Meta. E soprattutto la rabbia degli abitanti della zona: "Avevamo già avvisato tutti del richio". A distanza di dodici ore tornano sul posto i sindaci dei due comuni e il consigliere regionale Alfonso Longobardi per mettere in campo gli interventi urgenti di messa in sicurezza. L'allarme è stato dato da alcuni cittadini che, ieri sera alle 23, hanno sentito un enorme boato. Sul luogo sono intervenuti i vigili del fuoco, che si sono calati nel vallone per assicurarsi che nessuno fosse caduto durante la frana, oltre ai carabinieri e ai vigili urbani. Anche i sindaci dei due centri della Costiera sorrentina, Vincenzo Iaccarino e Giuseppe Tito, si sono recati sul posto durante la notte. L'arteria rappresentava in passato l'unico collegamento tra i vari centri prima della costruzione della Statale sorrentina che unisce ora i sei centri della costiera. Già nel 2015 gli abitanti della zona avevano denunciato lo stato precario della stradina e chiesto interventi. Questa strada di epoca romana conserva un cippo del Pons Maior (da cui il toponimo Ponte Maggiore) ancora oggi ammirabile, e che segnalava il termine della via Minerva (che partiva da Punta Campanella). «Dopo la grave frana avvenuta ieri sera in via Ponte Orazio, al confine dei Comuni di Meta e Piano di Sorrento, contattato dai Sindaci, mi sono recato personalmente sul posto per verificare la situazione. Ho preso visione di una situazione alquanto pericolosa che richiede l'intervento immediato per mettere in sicurezza la zona e la pubblica incolumità. Il genio civile regionale ha già effettuato alcuni rilievi, serve un'azione di massima urgenza da parte della Direzione Generale Lavori Pubblici e Difesa Suolo. Quanto avvenuto in Penisola Sorrentina conferma il grande rischio idrogeologico che incombe su determinate area del nostro territorio. Monitorerò in Regione Campania la situazione al fine di garantire le risorse e gli interventi necessari per mettere in sicurezza la zona e tutelare Cittadini e residenti. Purtroppo le frane sono un fenomeno tutt'altro che isolato in Penisola Sorrentina e in pochi mesi ho personalmente seguito due situazioni analoghe a quella di Ponte Orazio che hanno interessato Comuni come Sorrento e Massa Lubrense.  Anche in queste circostanze avevo sollecitato e fatto intervenire gli uffici regionali preposti per assicurare tempestivamente idonei interventi di messa in sicurezza».

03-04-2017 19:33:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO