SABATO 06 MARZO 2021




L'iniziativa

Torre Annunziata, Festival 3.0 per i 700 anni della città

Al via la kermesse digitale finanziata con i fondi Unesco

di Redazione
Torre Annunziata, Festival 3.0 per i 700 anni della città

Festival 3.0 per i 700 anni di Torre Annunziata: Oplonti svelata tra memoria e identità Al via il 22 dicembre la kermesse digitale finanziata con i fondi per i siti Unesco della Regione Campania Un anniversario in 3.0 tra Arte, Cultura, Identità e Sociale per celebrare i 700 anni della nascita della comunità di Torre Annunziata, tra i siti Unesco della Campania. Al via martedì 22 dicembre il digital project «Torre Annunziata tra memoria e identità», una kermesse culturale e artistica promossa dal Comune di Torre Annunziata, alla guida del sindaco Vincenzo Ascione, e finanziata con i fondi Poc Regione Campania 2014-2020 nell’ambito «dell'itinerario culturale per la valorizzazione dei siti Unesco Centro Storico di Napoli e Aree archeologiche di Pompei ed Ercolano e Torre Annunziata». Il Festival dedicato al 700enario di Turris Annunciatae, fondata il 19 settembre del 1319, sarà trasmesso esclusivamente sui canali digitali a causa delle restrizioni per il Coronavirus, e si profila ricco di eventi e attività tese a ripercorrere la storia della città e a valorizzarne risorse, bellezze e tesori nascosti. La direzione artistica è affidata a Ignazio Scassillo, cantautore, musicista e polistrumentista di fama nazionale mentre il coordinamento tecnico e la regia alla società di comunicazione «Younik» formata da un gruppo di professionisti capitanati dal noto regista Onofrio Brancaccio. Tra rassegne musicali, cortometraggi, rappresentazioni artistiche e culturali inscenate nei luoghi culto della città oplontina come l’area archeologica, il Museo dell’identità e le scuole del territorio si snoderanno una serie di tappe tese a raccontare all’Italia e al mondo, grazie ai mezzi digitali che non hanno confini, la città di Torre Annunziata a 360°. Senza tralasciare tradizioni, folclore, devozione e fede come la Madonna della Neve. Si parte martedì 22 dicembre con lo start per la piattaforma digitale e Web-Tv «700-Torre» che sarà il veicolo, insieme ai social Facebook e Instagram, per la diffusione dei contenuti. Nella stessa giornata tramite la piattaforma si potrà assistere alla diretta della finale di «Corto Dino», il festival internazionale del cortometraggio dedicato alla memoria di Dino, Luigi e Alfredo De Laurentis. Fitto il cartellone degli eventi con concerti di musica classica e musica jazz con esibizioni nei luoghi culto, proiezioni di cortometraggi e documentari a sfondo sociale: per l’occasione il regista Onofrio Brancaccio dedicherà a Torre Annunziata quattro mini documentari che seguono una linea totalmente innovativa. Tra gli artisti che interverranno il maestro Gennaro Desiderio, il chitarrista Francesco Buzzurro, tra i più apprezzati e poliedrici chitarristi italiani, la Carousel Band e il pianista Lorenzo Hengeller. Interessante la sinergia dell’organizzazione con il liceo musicale «Pitagora- Benedetto Croce» che si avvale di uno studio di registrazione all’avanguardia che ospiterà gli artisti protagonisti del Festival. Inoltre, la Web-Tv ospiterà rubriche dedicate al cinema, ai cortometraggi, alla musica, all’arte e vetrine per videomaker e artisti emergenti. Previsto anche un omaggio al giornalista del Mattino Giancarlo Siani, cronista negli anni ’80 proprio a Torre Annunziata e ucciso dalla camorra il 23 settembre del 1985. «Ci apprestiamo a celebrare il 700° anniversario della nascita della città – afferma il sindaco Vincenzo Ascione -. Attraverso i fondi POC Unesco, rivolti ai Comuni dell’area metropolitana di Napoli sui quali insistono siti inseriti nella World Heritage List come patrimoni dell’umanità, è stato possibile realizzare il progetto “Torre Annunziata tra memoria e identità”. Ho sempre ritenuto prioritaria la valorizzazione delle enormi risorse storico-culturali che ha il nostro territorio. A partire proprio dagli Scavi dell’Antica Oplontis, dichiarati nel 1997 patrimonio dell’Umanità. Sono particolarmente felice che presso gli scavi archeologici della Villa di Poppea si sia registrato un sensibile aumento di visitatori, in particolar modo stranieri. Sono certo che grazie a questa importante attività progettuale, tutti noi potremo rivivere la storia di Torre Annunziata ed apprezzarne ulteriormente l’inestimabile patrimonio socio-culturale. Ringrazio il direttore artistico Ignazio Scassillo e il coordinatore Onofrio Brancaccio, che hanno messo a disposizione le loro rispettive competenze affinché il progetto potesse svilupparsi e realizzarsi nel migliore dei modi». «Il progetto doveva partire già un anno fa – dichiara il direttore artistico Ignazio Scassillo – ma il Covid ha rallentato tutto e, a causa delle restrizioni, abbiamo dovuto rimodulare la rassegna e trasporla dal reale al digitale. Tuttavia, non perde il proprio obiettivo e il file rouge: quello di un progetto socio culturale che intende creare uno scambio culturale aperto e accessibile a tutti. Anzi, la piattaforma digitale può prestarsi a superare ogni confine e far sì che la Cultura e l’Arte siano fruibili da tutti perché, a mio parere, non sono elitarie ma diritto di ognuno. Il mio desiderio è che questa terra, spesso associata al malaffare, possa svelarsi nella sua bellezza e avere il suo riscatto. L’intento è che la piattaforma, anche dopo il progetto, possa diventare una sorta di museo e vetrina virtuale che apra le porte a molti artisti emergenti e consenta un maggiore interscambio tra cittadini e Istituzioni». «Per lavoro sono impegnato fuori Regione- conclude Onofrio Brancaccio e non ho mai lavorato per la mia città, sebbene sia consapevole della ricchezza culturale e artistica che custodisce. Per questo motivo, non appena ne ho avuta l’occasione, ho deciso di accettare questo progetto e lavorarci con passione, avvalendomi della mia squadra di professionisti e di tanti big del mondo della Cultura e dell’Arte, in modo da portare anche fuori le mura, grazie al virtuale che in questa fase storica è anche più sicuro, le risorse di questa terra».

21-12-2020 20:18:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA