GIOVEDÌ 27 GENNAIO 2022




Il caso

Torre del Greco, rapine in appartamenti e furti: arrestati

In cella in due, raid in trasferta da Napoli

di Redazione
Torre del Greco, rapine in appartamenti e furti: arrestati

In trasferta per mettere a segno rapine in appartamenti e furti a Torre del Greco. Oggi a Napoli, nei quartieri di Barra e Ponticelli, i carabinieri della Compagnia di Torre del Greco hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della locale Procuranei confronti di due indagati ritenuti responsabili a vario titolo, dei reati di rapina e furto aggravato. L’attività di indagine condotta dalla Sezione Operativa e dalla Stazione di Torre del Greco Centro ha permesso di stabilire la responsabilità dei soggetti in merito ai 2 eventi: il furto, lo scorso 3 febbraio, in un’abitazione di Torre del Greco, di 30 euro in contante e di un tablet strappato dalle mani della vittima all’interno del suo appartamento; il proprietario di casa, dopo essersi assentato per alcune ore, al suo rientro aveva sorpreso un malfattore che tuttavia, dopo una breve colluttazione, era riuscito a fuggire anche con l’aiuto di un complice. Nella circostanza il proprietario aveva riferito ai carabinieri di non avere constatato l’effrazione della porta dell’abitazione ma di aver subìto, qualche giorno prima, il danneggiamento della propria auto. L’ipotesi più plausibile è che il malvivente nella circostanza si fosse impossessato delle chiavi per farne una copia e poi riposizionarle all’interno dell’auto e che avesse verificato la residenza della vittima dai documenti di circolazione presenti nel cruscotto. La rapina, perpetrata il 5 maggio a Torre del Greco, nei confronti del proprietario di un’auto che aveva sorpreso i 2 all’interno dell’abitacolo e li aveva messi in fuga; i malviventi, che erano riusciti a portar via un carnet di assegni e un paio di occhiali da sole, lo minacciarono di “andarlo a prendere fino a casa”. Nel corso della perquisizione domiciliare contestuale all’esecuzione della misura cautelare sono stati rinvenuti nella disponibilità di un arrestato e posti sotto sequestro una collana in agata e 6 orologi repliche di modelli di valore. Dopo le formalità dell’arresto un soggetto è stato tradotto in carcere, l’altro ai domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico.

24-06-2019 20:37:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA