MERCOLEDÌ 30 NOVEMBRE 2022




Il fatto

Truffa dello specchietto, in trasferta da Salerno a Ercolano per estorcere soldi: arrestato pregiudicato

Luigi Bevilacqua, 39 anni, sorpreso durante un raggiro grazie all'allarme di alcuni passanti

di Redazione
Truffa dello specchietto, in trasferta da Salerno a Ercolano per estorcere soldi: arrestato pregiudicato

Da Salerno a Ercolano per truffare la vittima prescelta con il trucco dello specchietto. Oggi pomeriggio poliziotti hanno arrestato Luigi Bevilacqua, 39enne salernitano, pregiudicato, responsabile di tentata truffa nei confronti di un uomo ultrasessantenne. Gli agenti, durante il servizio di prevenzione e repressione dei reati in genere, poco dopo le undici, passando in via Semmola ad Ercolano, sono stati fermati da alcune passanti in cerca di aiuto per bloccare una truffa. La vittima predestinata, riferisce ai poliziotti che due persone a lui sconosciute, a bordo di una vettura grigia, si erano fermati accusandolo di aver procurato la rottura dello specchietto chiedendogli  dei soldi a titolo di risarcimento. Alla vista dell’auto della Polizia, il conducente dell’auto grigia si era allontanato a piedi mente il passeggero aveva preso l’auto e si era dileguato. L’anziano dava indicazioni sulla direzione di fuga ed i poliziotti  notavano un uomo che si allontanava di gran carriera. A bordo dell’auto di servizio lo hanno raggiunto, seguiti a piedi  dal genero della vittima che aveva assistito al tentativo di truffa. L’uomo viene fermato e condotto presso gli uffici di polizia dove lo hanno  identificato ed individuato quale  soggetto dedito alla commissione di tali reati. Dopo una breve reticenza nell’indicare chi lo accompagnava, ha ammesso le sue responsabilità, dichiarando che lo specchietto dell’auto da lui condotta era già rotto e che stava solo tentando di propinare una truffa al malcapitato. Informata tempestivamente l’autorità giudiziaria, in considerazione dei precedenti specifici,  gli agenti lo arrestano ed il P.M.  dispone l’accompagnamento del Bevilacqua presso le camere di sicurezza della Questura in attesa del giudizio con rito direttissimo, fissato  per il giorno 30 aprile 2018.


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

28-04-2018 20:05:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA