DOMENICA 05 FEBBRAIO 2023




Il fatto

Ucciso in un ristorante, freddato mentre stava pranzando

La morte di Vincenzo Nappi, 57 anni, riapre la faida

di Redazione
Ucciso in un ristorante, freddato mentre stava pranzando

Ucciso in un ristorante ad ora di pranzo. Per fortuna era semideserto il locale di Melito dove è scattato l'agguato in cui oggi è stato assassinato Vincenzo Nappi, 57 anni, soprannominato "o' pittore", ritenuto dagli inquirenti legato al clan degli Amato-Pagano.

Chi l'ha ucciso, a colpi d'arma da fuoco, l'ha sorpreso mentre stava pranzando. Sarebbe stato ucciso alla presenza di alcuni clienti. Secondo le primissime ricostruzioni dei carabinieri il locale non era affollato ma qualcuno c'era.

Nappi era considerato uno dei vertici degli scissionisti, una volta facente parte del clan Di Lauro di Secondigliano. Ad arrestarlo, nel 2011, a Mugnano (Napoli) furono i carabinieri del Nucleo operativo della compagnia di Giugliano in Campania: era ricercato da tre mesi in quanto sfuggito a un blitz che assicurò alla giustizia otto persone, tutte legate allo stesso clan, a cui la DDA contestava, a vario titolo, i reati di associazione per delinquere di tipo mafioso, traffico e spaccio di stupefacenti ed estorsioni.


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

23-01-2023 23:04:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA