VENERDÌ 27 MAGGIO 2022




Guerra di camorra

Ucciso per errore a Ercolano, sparato perchè aveva la stessa auto del bersaglio del clan

Arrestati mandanti e esecutori del clan Ascione/Papale, l'omicidio avvenne nel 2009

di Redazione
Ucciso per errore a Ercolano, sparato perchè aveva la stessa auto del bersaglio del clan

Ucciso per avere comprato l’auto sbagliata. Fu scambiato per un affiliato al clan solo perché aveva il suo stesso modello di automobile. Fu per questo che il 13 novembre 2009 fu colpito da una decina di proiettili, ad Ercolano. Per quell'omicidio sono stati arrestati mandanti ed esecutori e si è accertato che Salvatore Barbaro, la vittima, in quella storia di lotta tra clan non c'entrava assolutamente nulla. Ucciso per errore, dunque. Una delle tante vittime innocenti che allunga la scia di sangue alimentata da vendette, faide, scontri tra clan.
Quattro le persone arrestate, oggi, dai carabinieri della compagnia di Torre del Greco: tutte ritenute esponenti del clan camorristico Ascione-Papale. Un agguato, quello che fu messo a segno nei pressi degli scavi di Ercolano, che rientrava nella faida con il clan rivale Birra-Iacomino. Le indagini hanno accertato che l'unica 'colpa' di Barbaro era quella di avere la stessa auto di un affiliato al clan rivale. 


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

24-02-2016 11:53:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA