SABATO 22 GENNAIO 2022




Il caso

Uliano mandato a casa, sfiducia nella notte: Pompei senza sindaco

In dieci firmano le dimissioni, ma l'ex primo cittadino attacca: "Di nuovo in campo, non ho ceduto ai ricatti"

di Redazione
Uliano mandato a casa, sfiducia nella notte: Pompei senza sindaco

Non è durata molto. Uliano mandato a casa dai suoi, dopo gli ultimi mesi ad alta tensione. Da questa mattina con la firma di dieci consiglieri comunali è finita un’esperienza amministrativa cominciata poco più di due anni fa. Pompei è senza sindaco e senza amministrazione: nella notte, dieci consiglieri comunali hanno firmato le loro dimissioni, sfiduciando il sindaco Ferdinando Uliano, davanti a un notaio. Colto di sorpresa ma non sconfitto, Uliano ha fatto da subito sapere ai suoi avversari che è di nuovo in campo. Alla riapertura delle urne a maggio prossimo sarà di nuovo ricandidato. Pompei torna al voto prima del tempo come è già accaduto a Castellammare, poi a Portici appena prima dell’estate.
Il prefetto è stato già informato e nelle prossime ore nominerà il commissario prefettizio per l'ordinaria amministrazione del Comune. Il Comune di Pompei tornerà al varo in maggio del prossimo anno. Dieci consiglieri comunali, su 16 che siedono a Palazzo, 2 della maggioranza e 8 dell'opposizione sono gli autori di questo gesto inaspettato. In realtà la tensione è cominciata a salire da quando il sindaco ha congelato alcuni suoi assessori, ma che la situazione stesse precipitando non era stato chiaro a nessuno se non ai dieci firmatari della sfiducia. Nelle ore che hanno preceduto le dimissioni non ci sono stati segnali politici che allertassero il primo cittadino sulle intenzioni dei suoi consiglieri.
Il governo Uliano è composto da Pd, Udc e liste civiche. I consiglieri di maggioranza Luigi Ametrano e Stefano De Martino (eletti nello schieramento Nando Uliano eletto nel giugno 2014 erano passati all'opposizione lo scorso settembre per poi ritornare nella maggioranza a luglio).
Dietro alla sfiducia, ci sarebbero i malcontenti sui continui valzer della giunta, con numerosi cambi di assessori. Il sindaco spiega che non si aspettava tale "tradimento", visto che era riuscito da poco a recuperare i due consiglieri alla maggioranza. "Sono un sindaco perbene che non ha ceduto ai ricatti dei consiglieri comunali, dei poteri forti e del malaffare", commenta a caldo Uliano. "Non lascerò mai il Paese in mano ai farabutti e ai malfattori. La battaglia continua e ricomincio a testa alta. I cittadini hanno già scelto una volta per il cambiamento e lo rifaranno scegliendo di nuovo Nando Uliano sindaco".
I consiglieri dimissionari sono Maria Padulosi, Franco Gallo, Bartolo Martire, Carmine Cirillo, Salvatore Perillo, Lello De Gennaro, Marika Sabini, Angelo Calabrese, Stefano De Martino e Luigi Ametrano. 

30-08-2016 11:48:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA