GIOVEDÌ 28 OTTOBRE 2021




Il caso

Vertice Gori, attacchi a De Luca da un parte del Pd e da Sel: "Dovevano scegliere i sindaci, si è trattato di una spartizione"

Il senatore Cuomo, il consigliere regionale Daniele e il segretario Scala: "Spettacolo indecoroso"

di Redazione
Vertice Gori, attacchi a De Luca da un parte del Pd e da Sel:

stavamo abituando a pensare - forse per la martellante propaganda del presidente De Luca - che il famigerato metodo Salerno esistesse davvero e avesse quanto meno introdotto, pur tra molte contraddizioni, una qualche discontinuità con il passato. Invece a riportarci bruscamente alla realtà provvedono le nomine al Cda della Gori, fatte con un cristallino manuale Cencelli da prima Repubblica". Lo afferma il coordinatore regionale di SI-Sel, Tonino Scala "Dispiace che a fare da foglia di fico a un'operazione di grossolano consociativismo, in cui è facile individuare in modo trasparente le postazioni riservate agli azionisti di maggioranza di De Luca come a esponenti di Forza Italia, sia stato chiamato qualche esponente della società civile che si è prestato volentieri a una simile operazione. Per le rilevanti implicazioni sociali che le vicende della Gori comportano, con la gestione delle risorse idriche dell'ATO3 - conclude Scala - e per la disastrosa situazione dei conti dell'azienda, indebitatissima verso la stessa Regione, ci saremmo aspettati comportamenti ben diversi rispetto a questa ansia predatrice che accomuna Pd e destra e che dallo stesso De Luca è stata chiaramente avallata. La legge regionale prevede che sia l'assemblea dei Sindaci di prossimo insediamento a nominare il Cda della Gori, ma probabilmente proprio questo si è voluto impedire con lo spettacolo indecoroso delle nomine di queste ultime ore". 

08-07-2016 16:25:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA