Home » Lavoro estivo, becchi subito 1500€ al mese con questa mansione: non serve nemmeno il diploma

Lavoro estivo, becchi subito 1500€ al mese con questa mansione: non serve nemmeno il diploma

Fino a 1500 euro per questo lavoro estivo
Lavoro estivo, come guardagnare più di 1.000 euro – ilcorrierino.com

Tra le tante professioni estive in Italia, spicca quella che permette di guadagnare fino a 1500 euro al mese.

Quando si è alla ricerca di un nuovo impiego, sono tante le esigenze dello stesso candidato; basti pensare agli studenti universitari, che approfittano della bella stagione per mettersi da parte un po’ di soldi per affrontare le spese. Questo vale anche per i disoccupati, che sono alla ricerca di un nuovo lavoro, seppur stagionale. Per tutte queste esigenze, il periodo estivo porta con sè diverse opportunità.

Tra queste, c’è ne una ben retribuita, sebbene gli stessi professionisti del settore si lamentino delle paghe troppo basse. In realtà, i contratti di lavoro – al giorno d’oggi – sono abbastanza allettanti per chi viene messo in regola secondo il Ccnl, sebbene sia vero che questo lavoro comporti diverse responsabilità. Ma non solo: questa mansione si rivela adatta anche a coloro che vogliono aprirsi una nuova strada lavorativa per il futuro.

Tra le professioni stagionali più richieste, il bagnino – o meglio, l’addetto al salvamento – occupa un posto di rilievo. Ma quanto guadagna al mese? La risposta non è solo una questione di curiosità, ma anche un’indicazione chiara del motivo per cui trovare questi professionisti sta diventando sempre più difficile.

La principale lamentela di chi possiede il brevetto da bagnino riguarda la retribuzione. Molti sostengono che lo stipendio offerto da stabilimenti balneari, hotel e piscine sia troppo basso rispetto alle responsabilità richieste. Ma quanto dovrebbe guadagnare da contratto un bagnino?

La retribuzione media di un bagnino in Italia

Il Ccnl del settore del Turismo stabilisce i minimi tabellari per la retribuzione dei bagnini, differenziati per livello di specializzazione:

  • terzo livello: Capo assistente ai bagnanti – 1.637,28 euro;
  • quarto livello: Istruttore di nuoto con brevetto – 1.542,69 euro;
  • quinto livello: Assistente ai bagnanti – 1.444,22 euro;
  • sesto livello: Inserviente di stabilimento o cabina, o agli spogliatoi – 1.366,84 euro.

È bene precisare che questi importi sono lordi e devono essere tassati. Così, uno stipendio netto per un bagnino varia dai 1.000 ai 1.500 euro, considerando anche le voci accessorie come straordinari, tredicesima e TFR. Ma vediamo nel dettaglio.

Quanto guadagna un bagnino in Italia
Bagnini, contratto di lavoro e diritti – ilcorrierino.com

Il Contratto Collettivo Nazionale di un bagnino in Italia

Oltre allo stipendio base, i bagnini possono ricevere compensi per straordinari – con maggiorazioni del 30% per i diurni e del 60% per i notturni – oltre a tredicesima, TFR e altre indennità. Il Ccnl non obbliga i datori di lavoro a fornire vitto e alloggio, ma molti lo fanno, soprattutto in località turistiche.

Il Ccnl prevede un orario di lavoro settimanale di 44 ore, distribuite su sei giorni, con circa sette ore e mezza di lavoro al giorno. Le ore straordinarie devono essere retribuite come tali, nel rispetto delle regole che vietano di superare un certo limite di straordinari, ossia 260 ore all’anno.