Home » Addio Canone Rai, il governo l’ha comunicato davvero: “Siete liberi” | Una svolta epocale

Addio Canone Rai, il governo l’ha comunicato davvero: “Siete liberi” | Una svolta epocale

Canone Rai (depositphotos) - ilcorrierino.com
Canone Rai (depositphotos) – ilcorrierino.com

Giunge inaspettata una comunicazione del governo in merito al pagamento del canone Rai: ecco cosa succederà.

Sono ormai diversi decenni che il canone Rai è diventato obbligatorio per tutti in Italia, eccetto che per alcune categorie che debbono avere stringenti requisiti perché possano essere esenti.

La Rai è la società che si occupa del servizio pubblico in materia di trasmissione di informazioni e costruzione di intrattenimento mediatico, è finanziata con soldi pubblici, e per questo deve mantenere dei precisi standard di qualità e sottostare a una serie di principi e regole contenuti nel contratto di servizio.

Molti sono coloro che si lamentano dell’offerta della Rai, inoltre negli ultimi mesi alcune scelte dei vertici sono state sotto i riflettori e in una bufera mediatica, che si è diffusa specialmente sui social network portando a migliaia di commenti da parte degli utenti.

Il pagamento del canone è un aspetto che è stato molto discusso, ecco perché ciò che che era stato promesso dal partito della Lega ebbe una immediata risonanza: ecco cosa è stato annunciato.

L’annuncio in merito al Canone Rai

Era l’anno scorso, il 2023, quando la bozza del ddl leghista aveva conosciuto il favore di molti contribuenti: nel testo era prevista una progressiva riduzione dell’importo del canone Rai, con la promessa di una cancellazione dello stesso nel corso del tempo.

In effetti, già quest’anno il canone Rai non ammonta più a 90 euro, bensì a 70 euro, importo suddiviso in 10 tranches da 7 euro l’una che vengono inserita nella bolletta dell’energia elettrica.

La riduzione del canone in bolletta (depositphotos) - ilcorrierino.com
La riduzione del canone in bolletta (depositphotos) – ilcorrierino.com

La realtà di oggi

La presenza del canone in bolletta era già stato inserito dal governo Renzi, che, però, non ne aveva modificato l’importo, se non in relazione al cambiamento della modalità di pagamento: in precedenza, infatti, quando il canone veniva pagato tramite bollettino, il suo ammontare era di 113 euro.

Finora la promessa di ridurre il canone è stata, dunque, mantenuta: la Lega, uno dei partiti di maggioranza attuale di Governo, aveva annunciato, nello specifico una riduzione del canone Rai del 20% ogni anno fino al totale azzeramento fra 5 anni. “Siete liberi”, questa la sensazione che molti hanno avuto dopo che è stata palesata la possibilità di cancellazione del canone Rai, non resta che attendere altri 4 anni e giungere alla tanto agognata eliminazione del canone.