Home » Pensioni, a Luglio hai diritto all’aumento: becchi questa cifra se la richiedi | Possono farlo tutti

Pensioni, a Luglio hai diritto all’aumento: becchi questa cifra se la richiedi | Possono farlo tutti

Aumento delle pensioni luglio 2024
Aumento delle pensioni luglio 2024 – ilcorrierino.com

I pensionati potrebbero avere diritto ad una somma maggiorata a luglio, ma in tanti la perdono poiché non presentano la domanda.

Buone notizie in arrivo per i pensionati. Dopo mesi di attesa e voci non confermate su aumenti delle pensioni, finalmente a luglio arriverà un incremento. Questo (vero) aggiustamento è stato atteso da molti, specialmente dopo i recenti annunci che hanno sollevato aspettative non soddisfatte.

Tuttavia, non si parla ne di riadeguamenti che di aumenti previsti dal governo: anche quest’anno milioni di pensionati potranno godere della quattordicesima, che nelle migliori delle ipotesi raggiungerà 655 euro. Tuttavia, c’è un’altra ipotesi da non sottovalutare: può accadere che un soggetto che ne ha pieno diritto non la riceva. Il motivo? Aggiornamenti mancanti nei documenti dell’Inps.

Visto e considerato che la quattordicesima mensilità è un diritto per moltissimi pensionati, è bene capire se si soddisfano i requisiti, così da partire avvantaggiati e consapevoli della propria posizione. Qualora l’Inps non avesse ancora aggiornato i dati  – e il cedolino non arrivasse nel mese di luglio – sarà infatti necessario presentare una domanda utilizzando il servizio di ricostituzione dei redditi dell’Inps.

Chi ha diritto alla quattordicesima mensilità della pensione

Soprattutto per chi riceve la pensione nel suo primo anno, ma anche per la restante platea di pensionati, è bene sapere che per beneficiare della quattordicesima mensilità in programma per il 1° luglio, è necessario soddisfare tre requisiti chiave.

In primo luogo, bisogna avere almeno 64 anni e uno o più trattamenti pensionistici a carico dell’Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO) o delle sue forme sostitutive, esclusive ed esonerative. Oltre a questo, Il reddito complessivo annuo non deve superare il doppio del trattamento minimo del Fondo lavoratori dipendenti, pari a 15.563,86 euro.

Come abbiamo accennato, l’Inps verifica automaticamente questi requisiti basandosi sui dati disponibili. Tuttavia, possono verificarsi errori nella valutazione dei redditi a causa di informazioni non aggiornate.

Domanda Inps
Inps, come fare domanda di aggiornamento dei dati per ottenere la quattordicesima – ilcorrierino.com

Come presentare la domanda per la quattordicesima

La domanda per la quattordicesima va presentata utilizzando il portale online dell’Inps; al suo interno è presente il servizio di ricostituzione dei redditi. In questa sezione, verrà richiesto di compilare un modulo con diverse informazioni. Una volta inseriti i dati aggiornati, ciò che si dovrà fare è inviarlo tramite il portale online, oppure, per i meno esperti, chiamando il numero verde INPS o rivolgendosi ad un patronato per assistenza.

Ovviamente, prevenire è meglio che curare, anche in questo caso. È possibile verificare sin da subito se si ha diritto alla quattordicesima consultando la sezione ‘bonus quattordicesima’ del consulente digitale delle pensioni sul sito dell’Inps. Nel caso in cui i dati non fossero aggiornati, sarà necessario presentare domanda. Se quest’ultima viene accettata, la quattordicesima verrà pagata nei mesi successivi.